domenica 28 maggio 2017

Il tesoro dei Louwman

DODGE - TOURING CAR | 1914

L'auto che vedete qui sopra, un'americana Dodge del 1914, è all'origine della singolare realtà che vado a raccontarvi. Era il 1934, quando un intraprendente ventenne olandese di nome Pieter Louwman decise che quella sua auto appena importata sarebbe stata la prima di una lunga e assortita serie. A quanto pare, c'è chi colleziona francobolli, chi farfalle, e chi... automobili.

BENZ PATENT MOTOR CAR | 1886
BROOKE 25/30-HP SWAN CAR | 1910
CYGNET THE BABY SWAN CAR | 1920

Buon sangue non mente: il figlio di Pieter, Evert Louwman, ha continuato negli anni a impreziosire la raccolta ereditata dal padre; nel 1969 è stata accorpata la collezione di un altro appassionato, tale Geerlig Riemer, e il 3 luglio 2010 Beatrice, l'allora Regina dei Paesi Bassi, ha ufficialmente inaugurato il "Lowman Museum", situato nella città dell'Aia.

Il museo Lowman a l'Aia, Paesi Bassi
Beatrice, Regina dei Paesi Bassi dal 1980 al 2013, con il proprietario del museo Evert Louwman, durante la cerimonia di inaugurazione del 3 luglio 2010

Oggi il museo conta oltre 250 vetture, provenienti da ogni parte del mondo e da tutte le epoche, a partire dalla fine dell'800. Molto generosa la scelta di esporre l'intera raccolta in formato virtuale, con foto e descrizione dei modelli, attraverso il sito web ufficiale (in lingua olandese o inglese): http://www.louwmanmuseum.nl

BUGATTI TYPE 50T COACH PROFILÉE | 1932
FORD MODEL 18 'GOLDEN DEUCE' COUPE | 1932
THAMES 48-HP MOTOR STAGE COACH | 1913
TALBOT LAGO T26 GRAND SPORT COUPE SAOUTCHIK | 1946

DOC

domenica 14 maggio 2017

Auguri mamma!

William-Adolphe Bouguereau, L'innocence, 1893

Auguri di cuore, cara mamma: che nessuno rappresenti mai più, in futuro, la tua preziosa essenza attraverso la raffigurazione puerile e disgraziata di una pianta grassa abborracciata.

Google, Doodle per la Festa della Mamma, 14 Maggio 2017


DOC

mercoledì 10 maggio 2017

Robert Miles, indimenticabile "Children"


La Repubblica, 10 Maggio 2017 - «È morto Robert Miles, con "Children" diventò il re della trance. Il dj e produttore italiano è scomparso a 47 anni a Ibiza, dove risiedeva da tempo. Nel 1996 la sua Children diventò un successo internazionale, oltre 5 milioni di copie vendute nel mondo, uno dei più grandi successi di quella parte della dance music che prende il nome di trance. E' morto stanotte a 47 anni per un cancro Robert Miles, alias Roberto Concina, dj e produttore svizzero di nascita ma di origini italiane. (...)»


Grazie Roberto. A risentirti nella tua raggiunta "Dreamland", dove continueremo a sognare con spensieratezza bambina.

DOC